Emendamento delibera di G.C. n. 483 del 05/8/2016 PIANO INDUSTRIALE PER LA GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

no-inceneritore-salerno-pontecagnano-rifiuti-zero

  • Presidente del C. C.  Pasquale Brancaccio
  • Sindaco Dott. Boriello Ciro
  • Segretario Generale Dott.ssa Anna Lecora
  • Presidente e consiglieri della II e III C.C.P.
  • Consiglio Comunale

Oggetto: Emendamento delibera di G.C. n. 483 del 05/8/2016 PIANO INDUSTRIALE PER LA GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Sig. Presidente, Sig. Sindaco, assessori, consiglieri e pubblico. Il sottoscritto Ludovico D’Elia Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle  in merito alla delibera di G.C. n. 483 del 05/8/2016  APPROVAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE PER LA GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PER IL COMUNE DI TORRE DEL GRECO-ANNO 2016/2021.PROVVEDIMENTI.

Visto  che

 

Nelle commissioni e negli incontri con cittadini liberi e con l’osservatorio dei rifiuti sono emerse le seguenti possibili criticità :

❖      Elevato numero di mansioni diverse facenti capo ad un solo appalto

Ogni singolo servizio presenta caratteristiche diverse per:

➢     Elevate differenze di tipologie e specializzazione dei servizi.

➢     Elevate differenze di flussi economico tra i singoli servizi.

➢     Conflitti di interesse tra i singoli servizi da portare avanti.

■      Es. tra chi tratta la differenziata e chi ha il compito di differenziare l’indifferenziata

➢     Difficoltà nel gestire in un singolo bando aspetti remunerativi e costi riferibili ai vari servizi

➢     Le penali sono generalmente in funzione del costo del singolo servizio, cosi i servizi meno costosi con multe proporzionate al costo potrebbero non essere effettuati se non nelle zone centrali esempio lo spazzamento, poiché qualora venissero multati  il costo sarebbe minimo  rispetto al costo di  eseguire il servizio con regolarità .

Considerando che

❖        Il giorno 16 giugno 2011 con delibera 431 veniva approvato un importante ATTO DI INDIRIZZO PROGRAMMATICO con il quale iniziava formalmente e sarebbe dovuto iniziare anche praticamente il percorso denominato “VERSO RIFIUTI ZERO“ che si fonda sulla raccolta porta a porta, sulla differenziata spinta e sul recupero e riciclaggio di quanta più materia possibile.

❖        Il giorno  2015 01 28 con delibera 32 ad oggetto: INDIVIDUAZIONE SEDE DELL’OSSERVATORIO VERSO RIFIUTI ZERO veniva ripreso l’intento  di seguire  il percorso denominato “VERSO RIFIUTI ZERO“.

❖     Come si evince a pagina 31 al punto 10 le linee guida forniscono” senza nulla togliere alla libertà della progettazione di dettaglio  indicazioni sulle modalità di raccolta …

 

Il sottoscritto propone alla II e III commissione ed al consiglio comunale:

Di aggiungere come emendamenti alla delibera di G.C. n. 483 del 05/8/2016  APPROVAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE PER LA GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PER IL COMUNE DI TORRE DEL GRECO-ANNO 2016/2021.PROVVEDIMENTI i seguenti emendamenti:

  • Prevedere nel bando un percorso finalizzato alla realizzazione di un servizio di raccolta PORTA A PORTA (esistono ditte che fanno porta a porta bussando anche casa casa per fare formazione prendendo carta plastica e vetro da chi differenzia bene non solo senza costi per l’amministrazione ma anche dando soldi o benefici sia ai cittadini che all’ente comune come la stessa amministrazione dichiarò poco prima della delibera di giunta comunale 437 del 22 dic. 2014

  • Prevedere attività di reverse vending ed incentivare riutilizzo ed il vuoto a rendere

  • Scoraggiare l’utilizzo del monouso nelle attività commerciali sul nostro territorio.

  • Dividere possibilmente in bandi diversi i servizi che sono in conflitto di interesse o che abbiano flussi economici molto differenti.

    • Esempio raccolta plastica carta e vetro

    • Raccolta differenziata

    • Differenziazione meccanica

    • Spazzamento ecc.

  • Se non fosse possibile effettuare bandi separati ogni servizio dovrà avere una vita autonoma contabilmente, questo per aver ben chiari i costi ed i benefici di ogni servizio ed anche per

    • Prevedere nel bando la possibilità di intervenire anche dopo l’affidato sulla modifica di un singolo servizio o comunque sulla modifica del recupero di una tipologia di  materiale senza dover ricontrattare in alcun modo gli altri servizi;  a tal fine si ci può avvalere anche della definizione di rifiuto richiamata nella delibera di giunta comunale 483 del 5 agosto 2016 a pag.7. Un ipotesi come quella descritta fu ipotizzata da questa con la delibera di giunta comunale 437 del 22 dic. 2014

    • Prevedere nel bando la possibilità di decadenza di un singolo servizio qualora questo non venga portato a termine in modo dovuto calcolando le percentuali delle multe fatte rispetto al costo del singolo servizio e non dell’intero appalto.

  • ECO PUNTI – definiti nell’articolo 2 pag.6 del PIANO INDUSTRIALE PER LA GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PER IL COMUNE DI TORRE DEL GRECO-ANNO 2016/2021, delibera 483 del 5 ago.2016 –  indicare tra gli impegni della ditta la responsabilità, la gestione, e la messa in sicurezza degli eco punti al fine di scongiurare qualsiasi danno derivante dalle attività in esse praticate a proprietà pubbliche o private adiacenti. Esempio: alzando le recinzioni ben più in alto dei cassoni

  • Eliminare qualsiasi pratica che possa mandare materia agli inceneritori.

  • CONFERIEMNTO E RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI – considerare consorzi alternativi al CONAI per massimizzare introiti ed efficienza della differenziata considerando anche l’ipotesi di creare “finestre d’uscita” per singoli materiali.

  • Considerare forme consortili di trattamento singoli materia atti a non creare RUR o altra materia destinata agli inceneritori.

  • UMIDO  ANALIZZARE il territorio e le diverse caratteristiche strutturali e sociali dei vari quartieri cittadini, per cercare zone idonee alle tre  seguenti possibilità di recupero :

    • 1 Tramite  maxy impianti

    • 2 compostaggio di quartiere

    • 3 compostaggio domestico, da attuare in base

  • Raccolta vetro ( servizio con guadagno per l’ente ) studiare possibilità di differenziazione a monte per le tre principali categorie

    • bottiglie integre

    • bottiglie rotte

    • lastre

  •  INDIFFERENZIATA- trattamento meccanico a freddo per ulteriore recupero di materiali

  • Ingombranti  solo in punti presenziati o ritiro con servizio a domicilio

  • Nel piano si fa più volte riferimento ad un centro di raccolta a S.Maria La Bruna nella quale la ditta aggiudicante potrebbe realizzare centro di raccolta specificare meglio posizione e proprietà dell’aree quindi relativi benefici economici dell’ente derivanti dal fitto della stessa.

  • Non essendo ne sicuro l’utilizzo sul piano normativo ne necessario specificarlo nel piano industriale eliminare a pag. 41 il riferimento alle guardie ambientali.

Torre del Greco   07 /09 /2016

Print Friendly

Lascia un Commento