INTERPELLANZA Emergenze sicurezza TORRE DEL GRECO – PERIODO MASSIMO RISCHIO DI INCENDIO BOSCHIVO e relativi obblighi di manutenzione dei terreni incolti o comunque abbandonati – SICCITÀ – Rischio frane alle prime piogge

Oggetto:   INTERPELLANZA Emergenze sicurezza TORRE DEL  GRECO – PERIODO MASSIMO RISCHIO DI INCENDIO BOSCHIVO e relativi obblighi di  manutenzione dei terreni incolti o comunque abbandonati – SICCITÀ – Rischio frane alle prime pioggecopia-di-copia-di-nuovo-consiglio-comunale

Sig. Presidente, Sig. Sindaco, assessori, consiglieri e pubblico.
Il sottoscritto LudovicoD’Elia Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle

Visto

  • Che si sta uscendo dall’emergenza incendi, ma ancora non si è totalmente al sicuro, l’estate è ancora lunga, una delle più secche da molti decenni ed il PERIODO di MASSIMO RISCHIO DI INCENDIO BOSCHIVO non è ancora cessato.

  • Che la siccità di quest’estate, come si è appreso dalla riunione del CONSIGLIO DI DISTRETTO per l’AMBITO DISTRETTUALE SARNESE VESUVIANO che si è tenuta il giorno 4 luglio ( incontro nel quale era assente il comune di Torre del Greco ) ha ridotto  le riserve idriche ad un livello così basso che non si raggiunge da molti anni e quando si è raggiunto era avvenuto a settembre dopo un’intera estate mentre siamo in questa situazione già dai primi di luglio.

  • Che un’area a bosco denudata da un incendio potrebbe mettere in luce frane quiescenti, incisioni torrentizie profonde e altri processi geomorfologici prima nascosti dalla vegetazione, quest’aree saranno più vulnerabili e, se non si interviene rapidamente, potrebbe evolvere con fenomeni di alto rischio -

 

Risultando
pertanto di estrema importanza lo studio di azioni  post incendio rilevamenti geologici e geomorfologici di dettaglio, a cui dare seguito con una progettazione immediata di primo intervento per la mitigazione della pericolosità e dei rischi, tutto questo adesso, non dopo che succedono imprevisti prevedibili, richiede quanto segue :

  • Sono stati fatti controlli  sul rispetto dell’ordinanza  sindacale 679 del 4 luglio 2017 ”DICHIARAZIONE PERIODO MASSIMO RISCHIO DI INCENDIO BOSCHIVO 2017 DAL 14 LUGLIO 2017 AL 30 SETTEMBRE 2017” ?

  • Come mai l’ordinanza sindacale 679 del 4 luglio 2017 ”DICHIARAZIONE PERIODO MASSIMO RISCHIO DI INCENDIO BOSCHIVO 2017 DAL 14 LUGLIO 2017 AL 30 SETTEMBRE 2017 è stata fatta solo il 4 luglio quando il Parco Nazionale del Vesuvio la sollecitava già a Marzo?

  • C’è una Mappa dei terreni pubblici e privati da controllare.

  • Il Comune ha adempiuto a tale ordinanza sui terreni di propria proprietà?

  • Quali azioni sono in  programma per intensificare controlli su terreni privati e pubblici?

  • Quali azioni sono in  programma :

    • Per limitare i rischi di una ripresa del fenomeno degli incendi?

    • Come si intende mettere in sicurezza le abitazioni più esposte nell’ipotesi che gli incendi dovessero riprendere?

    • Per prevenire colate rapide di fango e cenere che si presentano in montagna dopo vasti incendi per via della impermeabilizzazione del suolo?

    • Ricordiamo che molte strade di versante dei paesi vesuviani erano antichi alvei, vecchi percorsi preferenziali di impluvi a carattere torrentizio (cioè si riempiono d’acqua con piogge molto intense); tutta la cenere deposta in queste  settimana rischia di scendere  a valle con le prime piogge; bisogna quindi  definire quali sono i punti critici per scegliere le soluzioni migliori.

  • Esistevano le briglie Borboniche il comune è a conoscenza dello stato e della funzionalità di quest’opera? Ritiene possano essere usate o potrebbero invece indirizzare le acque e quindi il fango verso centri abitati in particolare nella zona di via Boccea?

  • Ha contattato la Regione in merito alle azioni che bisogna mettere in campo come comune a seguito dell’esaurimento dei bacini idrici,

Torre del Greco, 27 / 07 /2017                              Cordiali Saluti.

Print Friendly

Lascia un Commento