INTERROGAZIONE IN FORMA SCRITTA – Stato di abbandono della “Pineta” del Presidente della Repubblica Enrico De Nicola

Quando vediamo la nostra città alla ribalta delle cronache nazionali per il degrado, gli scempi ambientali e il malcostume, ci viene naturale pensare che Torre del Greco non è solo questo, che ha un grande passato e che può avere un grandissimo futuro”
Nel passato ci sono certamente personaggi di rilievo come Enrico De Nicola, che dopo aver soggiornato nella pace delle nostre pinete, destinò un’area della sua villa ai bambini di Torre del Greco. Quello che è successo poi, è sotto gli occhi di tutti: abbandono, noncuranza, fino alla trasformazione in isola ecologica sotto l’amministrazione Borriello. Ai tempi, noi del M5S avevamo già denunciato con un video il mancato rispetto delle volontà del nostro illustre concittadino, ma la denuncia è caduta nel vuoto.
Per questo siamo a chiedere nuovamente, con un’interrogazione scritta, che l’area venga bonificata, che i fondi stanziati dalla Città Metropolitana alla rivalutazione siano investiti per il bene della nostra città, per restituire un piccolo polmone verde specialmente ai nostri più piccoli concittadini, come il Presidente Emerito avrebbe voluto.

Di seguito il testo dell’interrogazione

Destinatario: Comune di Torre del Greco (NA) Alla c.a. del
● Vice Presidente del C. C. Antonio Spierto
● Sindaco Dott. Palomba Giovanni
● Segretario Generale Dr. Pasquale Incarnato

Oggetto: INTERROGAZIONE IN FORMA SCRITTA – Stato di abbandono della “Pineta” del Presidente della Repubblica Enrico De Nicola – via Tironi Torre del Greco

I sottoscritti Vincenzo Salerno e Borriello Santa Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle,
Premesso che:
- Tra i personaggi più illustri che hanno scelto la città del corallo come luogo dove poter
passare il proprio tempo libero c’è stato Enrico De Nicola, eletto capo provvisorio della Stato italiano dall’Assemblea Costituente il 28 Giugno 1946 e successivamente assunse il titolo di primo Presidente della Repubblica Italiana.
- E’ proprio a Torre del Greco che Enrico De Nicola decise, con i proventi del suo lavoro di
avvocato, di dare mandato all’Ing. Michele Platania, alla costruzione di una villa alle falde del Vesuvio, nel 1928.
- La villa è una palazzina di due piani costruita in stile liberty, circondata da una pineta e un
vasto giardino. L’edificio al secondo piano ha una magnifica terrazza, dove il Presidente era solito ammirare il Golfo di Napoli.
- Quando Enrico De Nicola decise di trasferirsi, la villa divenne luogo di incontro con tanti
personaggi di spicco che in quegli anni dominavano la scena politica italiana come
Benedetto Croce e Giovanni Porzio, tra i suoi più grandi sostenitori politici.
che:
- Il giardino e la pineta annessa alla villa, divennero il vero e proprio rifugio dalla vita frenetica del Presidente infatti sulla porta d’ingresso della villa volle porre un’iscrizione “Inveni Portum”, che significa “ho trovato il porto”.
- Tale iscrizione ci dà chiaro il senso di come la villa fosse per il Presidente il vero rifugio per una vita tranquilla.
- Dopo la sua morte, Villa De Nicola fu abbandonata per oltre mezzo secolo e purtroppo
depredata di tanti volumi facenti parte la biblioteca del grande statista.
che:
- Dopo un periodo di abbandono, negli anni Sessanta la villa fu acquisita dalla Provincia di
Napoli, che provvide al restauro e riuscì a recuperare gran parte dei quattromila volumi
della biblioteca, che erano stati trafugati.
- Oggi la Villa è anche sede della Scuola Forense “E. De Nicola” e della Fondazione “E. De Nicola” per l’alta specializzazione, entrambe gestite dal Consiglio dell’Ordine. E quella
biblioteca è ancora lì.
- La Città Metropolitana ha voluto che i volumi che la compongono, raccolti nella Collezione De Nicola, siano esposti in strutture adeguate al loro prestigio e che siano accessibili al pubblico. Tale concessione a titolo oneroso fu pattuita nel 2016 per la durata di nove anni.
Considerato che :
- Nel 2012 parte della pineta fu destinata ad Isola Ecologica, dall’amministrazione Borriello.
Tale destinazione suscitò l’indignazione di tutti i cittadini della zona che intimarono di
cessare la realizzazione di tale manufatto, che ha distrutto un angolo di verde pubblico per
l’utilizzo della pineta da parte degli originari destinatari, ossia i bambini ed i giovani di Torre
del Greco.
- La pineta fu deturpata con l’abbattimento di Pini e con colate di cemento.
- In molti ricordano che nel 1958 l’ avvocato Enrico De Nicola donò la pineta di via Tironi ai
bambini di Torre del Greco: alla sua morte il polmone verde del rione alto dove si rifugiava
dalla pressione degli affari di Stato, sarebbe dovuto diventare un parco giochi per i piccoli
del paese. Questa volontà del presidente De Nicola è testimoniata anche da un video
dell’epoca: nel filmato l’avvocato dichiarava di voler lasciare la pinetina «ai tanti piccoli amici
della città che mi ospitò, destinata un giorno ai giochi e alle gioie dei bambini di Torre del
Greco».
Rilevato che
- Il sindaco metropolitano, Luigi de Magistris ha approvato in data 11 dicembre 2019, una
variazione del P.E.G. (Piano Esecutivo di Gestione) che permetterà di finanziare urgenti
interventi di manutenzione della villa “De Nicola” di Torre del Greco e per questo scopo
sono stati stanziati 200.000 euro che serviranno ad avviare al più presto le opere
necessarie.
Chiedono:
- E’ stato verificato il vincolo nella donazione fatta da Enrico De Nicola?
- Copia degli atti che sono intercorsi tra comune e città metropolitana/provincia che hanno
portato la pineta di via Tironi, donata al comune da Enrico De Nicola per i bambini di Torre
del Greco alla sua morte e che, sarebbe dovuto diventare un parco giochi per i piccoli del
paese a diventare proprietà della città metropolitana, poi isola ecologica ed ora area
abbandonata; in particolare si richiedono contratti o qualunque altra forma di concessione
che si sono susseguite negli anni.
- Attualmente sono in essere forme di contratto di concessione ?
- L’amministrazione ha programmato l’utilizzo futuro di tale area, magari per il ripristino
dell’area come previsto dall’atto di donazione coi da utilizzare la zona anche per fini
turistici? Sono stati prodotti atti di tale indirizzo?
- E’ stata fatta una bonifica della pineta dopo la dismessa dell’isola ecologica?
- Come verranno utilizzati i 200.000 euro finanziati dalla Città Metropolitana destinati alla villa De Nicola, giardino e pineta.

Torre del Greco, lì 03/02/2020

Movimento 5 Stelle
Santa Borriello Vincenzo Salerno

Print Friendly

Lascia un Commento